In queste pagine trovi Info e prenotazioni per:
nota | Segnaliamo che allergeni possono essere presenti in alcuni piatti anche se non evidenti (piatti di mare spesso sono tirati in padella con fumetto di pesce contenente tra l’altro crostacei) vi preghiamo di segnalarci eventuali allergie ed intolleranze essendo che molti piatti possono essere creazioni estemporanee del momento | la lavagna del pranzo | Dalla tradizione della terra: | Tagliatelle al ragu classico bolognese (spesso sfoglia verde all’ortica) | € 9,00. Contiene glutine | Pasta e fagioli con maltagliati | 9,00 | Lasagna alla bolognese senza glutine (non idoneo per celiaci essendo passato in forno comune) | Parmigiana classica di melanzane | Gli alimenti che compongono questo piatto non contengono glutine. €10,00. Contiene lattosio | Tagliata di manzo rucola e [Grana] | Carne bovina, prosciutto cotto farina (contiene glutine e soia) € 13,00 | Pepata di cozze | € 13,00(Segnaliamo la presenza di frutta) | Primi piatti di mare | € 14,00(Segnaliamo la presenza di ltte, uova, pesce, molluschi e glutine glutine) | Passatelli asciutti con seppie, gamberi, vongole lupino, pomodorini | Gnocchi di patate con vongole e carciofi | I fritti | Fritturina di pesce del giorno | Gli alimenti che compongono questo piatto non contengono glutine €16,00 (Segnaliamo la presenza di pesce e crostacei) | Fiori di zucca fritti, ripieno con mousse di gamberi | Filetto di 0rata in crosta di patate | Gli alimenti che compongono questo piatto non contengono glutine. €17,00(Segnaliamo la presenza di sesamo e pesce) | Parmigiana di melanzane e pesce spada | Gli alimenti che compongono questo piatto non contengono glutine. €14,00 (Segnaliamo la presenza di sedano e pesce) | € 5,00 | Contorno di verdure | € 5,00 | Piatto grande di verdure con patate | € 8,00 | insalatona | Dessert di nostra produzione | € 5,00 | Panna cotta | Torta tenerina al cioccolato | 5,00 | Crema alla catalana | Pecorino | Passerina | 18,00 | 18,00 | Calice di vino | Pinot Grigio Friuli | 18,00 | Inzolia tenute Tasca (Sicilia) | Ribolla Gialla Venezia Giulia | 20,00 | Vini rossi | €18,00 | Salice salentino riserva | 20,00 | Rosso Bologna (Cabernet e Merlot) | 10,00 | Vino della casa Sangiovese 1/2 lt | € 4,00 | Caffe | 1,5 | Amaro/ grappa bianca | Tigelle senza glutine. 3 pezzi | €4,50 | le Bollicine | 22,00 | Cesarini sforza brut riserva | € 30,00 | € 18,00 | Pignoletto sfuso della casa 1Lt | Calice di vino | 4,50/5,00 | A pranzo giorni feriali € 1,5 - cena e pranzi festivi € 3,00 |

il Matusel è cucina della tradizione e cucina siciliana di pesce, ogni sera dalle 19.
Siamo in centro storico a Bologna, in via delle Belle Arti, 20

Blog

ristorante in zona fiera di Bologna Matusel BOLOGNA FIERE dove mangiare

La Fiera di Bologna è il polo fieristico della città e dell’area metropolitana di Bologna, sito nel Quartiere San Donato nella zona settentrionale della città e a ridosso della tangenziale.

Le 7 torri della Fiera di Bologna

Storia

La storia della Fiera a Bologna parte dal XIX secolo. La prima fiera importante ospitata a Bologna fu la “Grande Esposizione Emiliana” nel 1888, ospitata nei Giardini Margherita e inaugurata da Umberto I con la consorte Margherita di Savoia e dal Presidente del Consiglio Francesco Crispi.

Nel 1901, nei locali dell’EDEN Kursal (l’attuale sede de I Portici Hotel in Via Indipendenza), si tenne la prima mostra Campionaria di Bologna.[1]

L’anno d’avvio vero e proprio delle attività fieristiche fu il 1927. La fiera si svolse nel Littoriale, terminato proprio in quell’anno.[1]

Nel 1947 nacque l’Ente Autonomo delle Fiere di Bologna che però non aveva ancora una sede espositiva fissa. Le fiere si tenevano fra il Parco della Montagnola e il Palazzo del Podestà.

Negli anni cinquanta si iniziò a pensare alla costruzione di una vera e propria sede per la Fiera; venne bandito un concorso a tal proposito, vinto dagli architetti Leonardo BenevoloTommaso Giura Longo e Carlo Melograni. I lavori iniziarono nel 1964 con la posa della prima pietra; nel 1965 il primo blocco ospitava, per la prima volta in una sede fissa, la 29ma Fiera Campionaria di Bologna. Fanno parte di questo nucleo storico i padiglioni 21, 22, 25, 26, 31, 32.

Una successiva importante aggiunta al quartiere fieristico di Bologna è stata compiuta nel 1972 a cura del noto architetto giapponese Kenzō Tange, a cui si deve anche il complesso dei grattacieli (il Fiera District, sede di importanti uffici fra cui la Regione e di cui l’ultimo, completato nel 2011, è il più alto del gruppo coi suoi 80 metri) per un totale di 20.000 m².

Negli anni 2000 Pierluigi Cerri firma il progetto per nuovi padiglioni( un nuovo padiglione (, il 16-18, inaugurato nel 2004 , il 14-15, inaugurato nel 2008), aggiungendo ulteriori 60 mila metri quadrati di spazi coperti. Nel 2018 vengono inaugurati i padiglioni 29 e 30, ricostruiti ex novo al posto dei precedenti. Questi sono i primi di una serie di modifiche e aggiunte previste nel progetto di espansione firmato da Di Gregorio Associati.

Nel 2002 l’Ente Autonomo della Fiera di Bologna è stato definitivamente privatizzato e trasformata in Spa, Bolognafiere Spa, che è il fulcro di un sistema fieristico regionale composto da tre poli espositivi: Bologna, Modena e Ferrara per un totale di circa 200.000 m² nel raggio di 30 chilometri.

L’attuale presidente è Franco Boni che, il 25 marzo 2016[2], è succeduto ad Armando (Duccio) Campagnoli.

Il quartiere fieristico oggi

Veduta del Fiera District (2009).

Oggi la fiera di Bologna è un avanzato quartiere espositivo, con un’area complessiva di 375.000 m², tra zone coperte ed esterne e l’area totale dei servizi è di 36.000 m².[3] Dispone di 18 padiglioni e di 5 ingressi indipendenti. A livello logistico, la Fiera di Bologna dispone di 14.500 posti auto coperti, un casello autostradale dedicato al fine di garantire l’ingresso diretto in fiera, evitando la tangenziale, un eliporto (situato sul tetto del padiglione 16-18) e una fermata ferroviaria (“BolognaFiere”).

Tutti i numeri della Fiera di Bologna:

  • Area Complessiva: 375.000 m²;
  • Numero torri: 7;
  • Altezza delle torri: 79 metri (Torri 1-2-3-4-5, con 21 piani) e 83 metri (Torri 6-7, con 22 piani)
  • Posti auto: 14.500;
  • Media manifestazioni ogni anno: 27;
  • Espositori: 16.127;
  • Ingressi indipendenti 5;
  • Visitatori professionali: 950.245.

Manifestazioni fieristiche di BolognaFiere

BolognaFiere ha un portfolio di oltre 75 manifestazioni in Italia e all’estero nei settori dell’Architettura e Costruzioni; Arte, Musica, Cultura e Design; Salute, Bellezza e Benessere; Alimentazione e Largo Consumo; Servizi e Tempo Libero; Agricoltura e Giardinaggio; Auto e Motori; Industria e Innovazione; Moda, Pelletteria e Calzature.

Tra queste, sono più di una decina le manifestazioni professionali leader mondiali che si tengono nel Quartiere fieristico:

  • Arte Fiera – Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea.
  • Autopromotec – Biennale Internazionale di Attrezzature e Prodotti per l’Industria Automotive.
  • Bologna Children’s Book Fair – Fiera del libro per ragazzi
  • Cersaie – Salone Internazionale della ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno.
  • Cosmoprof – Salone Internazionale della Profumeria, della Cosmesi, dell’Acconciatura, dell’Estetica, delle Unghie e delle Spa.
  • Eima International – Esposizione Internazionale di Macchine per l’Agricoltura
  • Lineapelle – Mostra Internazionale di pelli, accessori/componenti, sintetico/tessuti e modelli per calzatura, pelletteria, abbigliamento e arredamento (dal 2014 spostata a Milano).
  • Motor Show – Salone Internazionale dell’Automobile (dal 2019 a Modena).
  • Music Italy Show – Salone degli strumenti musicali, edizioni, pro-audio, dj, discografia.
  • Saie – Salone Internazionale dell’Edilizia.
  • Sana – Salone Internazionale del Biologico e del Naturale.
  • Simac – TanningTech – Salone delle Macchine per Calzatura e Pelletteria – Salone delle Macchine per Conceria e Prodotti Chimici.
  • Pasta Trend – Salone Internazionale della Pasta.
  • Tanexpo – Esposizione Internazionale di Arte Funeraria e Cimiteriale.

L’area archeologica

A partire dai lavori degli anni ’70 sono venute alla luce nell’area corrispondente alla fiera numerose testimonianze archeologiche dall’età del Rame (III millennio a.C.), fino all’epoca romana (I sec. a.C. – IV sec. d.C.). Il ritrovamento di maggiore interesse, avvenuto in corrispondenza della parte settentrionale dei padiglioni 14 e 15, è una grande necropoli della prima età del Ferro (IX – VIII sec. a.C.) appartenente alla cultura villanoviana.[4]

Trasporti

Il quartiere fieristico è servito dalla rete di autobus urbani di TPER e dalla stazione di Bologna Fiere, generalmente non interessata dal transito di treni passeggeri, ma attiva in singole occasioni.

Attualmente è in corso lo studio di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione della linea 1 della nuova rete tranviaria di Bologna, la cui entrata in funzione è prevista per il 2026. La linea in progetto si estenderà per 16,5 km, collegando Borgo Panigale al Pilastro e passando per il centro storico, per la stazione di Bologna Centrale e per la Fiera, dove è previsto un capolinea intermedio presso il parcheggio di interscambio di Michelino.[5][6]

HOMEPAGE


Babaleus Ravenna ristorante pizzeria
ristorante Posta Bologna, restaurant in Bologna
Ristadvisor - portale prenotazione tavolo ristoranti pizzerie e ristorazione
ristorante pizzeria Pirata del Porto Bologna
Ristorante Cutty Sark Porto Azzurro Isola Elba
Ninfea hotel B&B Cervia
ristorante al Pirata Cervia, pesce
ristorante Osteria delle Mura, Cervia
Ristorante da Floriano Porto Azzurro Isola Elba
ristorante Franco Rossi - Bologna - ristorante storico, cucina tipica